Valentino Rossi spera nella pioggia



Qualche dirigente Audi è atteso nel fine settimana per un primo contatto con la MotoGP. Valentino Rossi si dice disponibile anche se per lui il fine settimana di gara non è il posto adatto per parlare di contratti o della prossima stagione. Bisogna evitare le distrazioni, nel frattempo la storia si ripete: sull’asciutto Rossi è 11° a 1”124 da Pedrosa, mentre sul bagnato è 5° a 0”304 sempre dallo spagnolo.

I problemi della moto secondo il Dottore sono gli stessi in entrambe le condizioni, ma con la pioggia la moto è più veloce. Silverstone e gli esperimenti falliti sono stati accantonati, la squadra ha così deciso di tornare ad un assetto simile a quello dei GP più positivi, come Barcellona, Estoril e Le Mans. La moto è più difficile da guidare ma salva di più la gomma posteriore. La priorità in previsione gara è quella di riuscire a far durare lo pneumatico per tutto il GP.

Si punta anche a migliorare il comportamento della Ducati nella parte centrale del tracciato. Il T2 e il T3 sono i punti dove soffre di più, Rossi in fondo alla discesa fa fatica a fermarmi, bisognerà fare qualche modifica, soprattutto per la posizione dell’anteriore, ma non si deve penalizzare troppo la guidabilità nella parte più stretta. Ovviamente a questo punto per Valentino Rossi è meglio che piova in gara in modo da essere più competitivo sul bagnato, anche se in questo caso i rivali non starebbero di certo a guardare e sarebbero lo stesso tanti.