Tourist Trophy 2013: ufficializzate le date ed i primi partecipanti

401px-JoeyDunlopKatesCottage

L’attesissimo Tourist Trophy 2013, la gara motociclistica mozzafiato attesa ogni anno da tutti gli appassionati di Road Race, comincia a prendere finalmente forma: inizierà il 25 maggio 2013 ed il suo main sponsor l’anno prossimo sarà la bevanda energetica Monster Energy. Dunque, partendo da queste due certezze, sono state rese note anche le date ufficiali, il programma (almeno una bozza) e stanno pian piano arrivando le prime conferme dei piloti partecipanti al prossimo Tourist Trophy 2013. Vediamo tutto nel dettaglio.

Partendo proprio dal programma, pare che il Tourist Trophy 2013 sarà molto simile alla precedente edizione: le gare di qualifica inizieranno sabato 25 maggio 2013 con la classe Lightweight; gli esordienti, i sidecar e le classi Superstock, Superbike e Supersport invece inizieranno la loro competizione il lunedi successivo. Le qualifiche finali riguarderanno il 31 maggio 2013, il primo giugno ed il 3 giugno (rispettivamente venerdì,sabato e lunedì). Per quanto concerne invece lo svolgimento delle gare, queste inizieranno con la tradizionale gara d’apertura della SBK sabato 1° giugno, e a seguire vi saranno le Sidecar Racing nel tardo pomeriggio.

Lunedì 3 giungo invece spazio alla Royal London Superstock race ed alla prima gara della Monster Energy Supersport Race. Mercoledì sarà la v0lta di gara2 della Supersport, la seconda gara di Sidecar per poi approdare alla SES TT Zero Race. Venerdì 7 giugno quindi si svolgeranno le ultime gare, ovvero il ritorno della Lightweight Race e la chiusura del Tourist Trophy 2013 con la Senior TT Race;

Passando ai piloti che parteciperanno all’evento, sono arrivate le prime conferme: Josh Brooks (wild card World Supersport 2004), William Dunlop (che ha firmato un accordo con Yamaha team), John McGuinnes, Michael Dunlop e Michael Rutter. Occhio di riguardo anche per Cameron Donald e Simon Andrews, anche se il team Honda TT Legend (McGuinnes/Dunlop/Rutter) sembra non avere rivali, almeno sulla carta. Ma per scoprirlo è necessario vivere l’evento, a cui ancora manca molto, ma che è già entrato nel vivo.