Terzo turno prove libere GP di Germania: sorridono Pasini e Pirro

1stoner_pedrosa_assen_53
Piacevole sorpresa per l’Italia stamattina nel terzo turno di prove libere del moto GP di Germania: sullo stretto e tortuoso circuito di Sachsenring trionfano i due outsider italiani Mattia Pasini e Michele Pirro. I due piloti sono stati abili nello sfruttare al meglio l’assenza di big come Stoner e Lorenzo. I due campioni sono rimasti ai box per motivazioni diverse: il primo ha ritenuto poco produttivo correre stamane, lo spagnolo invece ne ha approfittato per tenere a riposo la caviglia destra, ancora malconcia dopo l’incidente di Assen di qualche giorno fa che ha coinvolto anche il connazionale Bautista.
Ad approfittarne sono stati proprio Mattia Pasini, che ieri ha fatto sudare freddo con quel beffardo incidente durante il primo turno di prove libere, e soprattutto Michele Pirro che, in sella alla sua FTR-Honda, s’è classificato addirittura primo con 1.30.692. Alle spalle il connazionale Pasini invece, al comando della sua Aprilia, s’è classificato secondo con uno scarto di 0.967s rispetto a Pirro. In terza posizione s’è imposto il pilota Ducati Hayden (+2,440s), seguito da Andrea Dovizioso (Yamaha), in ritardo di 2,609s sul primo classificato.
Ottavo posto invece per Valentino Rossi a bordo della sua Ducati, superato di poco al settimo dal collega di Borgo Panigale Franco Battaini, che stamattina ha sostituito alla guida Karel Abraham. Tra i big non è sceso in pista neanche Dani Pedrosa che, dopo il primo posto ottenuto nel primo turno di prove libere, ha preferito non rischiare in attesa dell’inizio delle qualifiche ufficiali di questo pomeriggio.
S’è trattata comunque di una gran bella soddisfazione per i nostri due portabandiere tra le CRT, resisi protagonisti grazie all’ottimo tempismo con cui hanno montato le slick. Adesso le speranze per le qualifiche ufficiali e la gara di domani sono due: che la pioggia non rovini lo spettacolo che solo il circuito di Sachsenring può assicurare e che, tra una goccia e l’altra, il cielo tedesco si possa magari ritingere d’azzurro.