Superstock 600 Superbike, morto il motociclista Oscar McIntyre



Nella giornata di oggi (ore 14:30 locali) sul circuito Grand Prix Circuit di Phillip Island, durante le prove dell’Australian Supersport/Superstock 600 del campionato Mondiale Superbike, è morto in un incidente il giovane pilota australiano Oscar McIntyre.
Il 17enne pilota, a bordo della sua moto Yamaha YZF R6, durante il secondo giro di Gara 1, prima della curva 2, ha perso il controllo della propria moto, è caduto ed è stato investito da altri due piloti, Luke Bergess (Kawasaki) e Michael Lockhart (Kawasaki).
Una dinamica che ha ricordato molto da vicino l’incidente con il quale perdette la vita Marco Simoncelli. Per le corse del Supersport 600 della Superbike, a Phillip Island erano previsti soltanto 12 giri; nella gara di domani, che scenderà in pista alle ore 8:30 locali, i piloti percorreranno un giro di pista in memoria di Oscar McIntyre, e rispetteranno un minuto di silenzio prima della gara.
Nessuna variazione al momento è stata modificata in merito al calendario del Mondiale Supersport e dell’Australian Superbike. McIntyre, originario dello stato del Queensland, in Australia, proveniva dal campionato australiano 125 GP, era iscritto con il numero 66 alla Superstock 600 2012.
Nel comunicato ufficiale degli organizzatori della gara, si legge che “Motorcycling Australia e PI SBK Pty Ltd possono confermare che Oscar McIntyre, nativo del Queensland, ha perso la vita questo pomeriggio a seguito di un incidente nel corso della gara di apertura del campionato australiano Superstock 600 al Phillip Island Grand Prix Circuit. McIntyre, 17 anni è stato immediatamente soccorso dal personale medico subito dopo l’incidente, ma le ferite sono risultate fatali”.