Superbike 2012: il ritorno di John Hopkins



E’ passato poco più di un mese da quando John Hopkins ha dovuto fare i conti con una realtà che lo stava divorando lentamente. Il pilota del team Crescent Suzuki ha infatti nelle scorse settimane dovuto subire l’amputazione dell’anulare sinistro. Una decisione inevitabile che è stata presa dallo stesso Hopper dopo che il dolore era diventato davvero insopportabile nel corso dell’ultimo anno.

Hopper ha quindi dovuto dire addio al dito in questione e nonostante al suo risveglio, dopo l’operazione, si ritrovasse senza un dito ha detto di sentirsi già meglio. Da allora è passato un po’ di tempo e John è finalmente pronto per ritornare in sella. Al team Crescent lo attendevano tutti ormai e ci si chiedeva quando sarebbe avvenuto il ritorno in pista.

Ebbene, la prossima settimana da 13 al 15 febbraio in quel di Phillip Island, i piloti scenderanno in pista per gli ultimi test prima del debutto ufficiale nel campionato del mondo 2012 della Superbike, fissato per il 26 febbraio. Hopper ha voluto rasserenare tutti sulle sue condizioni di salute e sui problemi che potrebbe incontrare senza la presenza di un dito.

Ho mantenuto pulita la ferita e fatto tutto il necessario, quindi non c’è nessuna infezione. Le sensazioni in sella saranno diverse, forse anche un po’ strane nelle mie prime uscite in pista. E’ un qualcosa a cui mi devo abituare, ma che non credo limiterà le mie prestazioni. Una volta presa l’abitudine, tutto andrà per il meglio.

Non resta quindi che attendere qualche altro giorno per rivedere in pista un pilota che ha sempre dato tutto sui tracciati di mezzo mondo e che purtroppo è stato ripagato in maniera non proporzionata all’impegno ed alla passione mostrata. Ben tornato Hopper ed in bocca al lupo per il tuo 2012!