Superbike 2012, il capotecnico di Simoncelli alla guida del Team di Biaggi





Aligi Deganello, capo tecnico di Marco Simoncelli, ha deciso di rimettersi in gioco dopo l’incidente che è costato la vita al suo pilota. Simoncelli e Deganello, negli anni, avevano stretto un rapporto talmente stretto da rendere la perdita di Marco un dramma insostenibile. Per il Sic il suo capo tecnico era una guida, un vero e proprio mentore, una figura fondamentale nella cavalcata che portò lo sfortunato pilota romagnolo alla conquista del titolo mondiale di 250 nell’oramai lontano 2008.

La carriera di Deganello continuerà in mondo completamente diverso, forse una scelta necessaria per mettersi alle spalle il dramma del suo pilota. Deganello, infatti, ha deciso di riprendere la prossima stagione il suo lavoro alla guida del team Aprilia che supporterà Max Biaggi nel suo tentativo di riconquistare il titolo di Superbike.
Biaggi cosi trova una figura nota a tutti per l’altissimo livello professionale, un elemento fondamentale per poter ricostruire il team che ha perso, via via, tutti i pezzi più importanti dalla fine della stagione 2011. L’ingaggio di Deganello è quindi da vedere come una grandissima conquista per il team Aprilia che, sin dall’inizio della stagione 2012, potrà contare sull’esperienza pluriennale nel motomondiale e sulla professionalità di uno dei tecnici più stimati del settore.
Deganello ha rilasciato alla Gazzetta dello Sport una serie di dichiarazioni relative proprio alla sua decisione di passare in Superbike. Eccone un breve estratto “Sarà particolare lavorare con Max. Passo dal lavorare con l’amico migliore di Valentino al suo rivale storico. E’ sicuramente un bel salto però di restare in MotoGp a lavorare con il team Gresini non me la sentivo proprio. Mi sarei sentito a disagio. Ho parlato con Max ha una grandissima voglia di rivalsa e la mia missione sarà cercare di dargli strumenti per vincere le gare e magari perché no tornare anche campione del mondo”