Superbike 2012: Brookes al posto dell’infortunato Hopkins a Phillip Island





La stagione 2012 per John Hopkins è cominciata sotto una cattiva stella. Il pilota inglese che occuperà la sella della Crescent Suzuki per tutto l’anno ha già dovuto alzare bandiera bianca per quanto accaduto nella prima giornata di test a Phillip Island. Sul tracciato australiano, Hopper è stato vittima di un brutto incidente, che gli ha causato la rottura del polso destro.

Il pilota Suzuki è stato prontamente soccorso dopo la caduta e ci si è resi subito conto che la situazione era più grave del previsto. Hopkins è stato quindi trasportato in ospedale, dove gli è stata riscontrata la frattura del polso destro. Allo stesso arto, appena qualche settimana fa, John era stato costretto all’amputazione dell’anulare.

Una sfortuna che appare davvero senza fine quella che sta accompagnando da almeno un paio di stagioni il pilota inglese. E dire che Hopkins rientrava in sella nel primo giorno di test in Australia proprio dopo aver subìto l’intervento di amputazione dell’anulare destro. L’assenza di John al debutto del 26 febbraio sul tracciato australiano è quanto mai scontata.

La Suzuki ha quindi pensato di sostituire Hopkins, per la gara di Phillip Island, con Joshua Brookes. Si tratta di un pilota australiano, che dunque correrebbe davanti al proprio pubblico, con diversi trascorsi nella Superbike nel 2006 e nel 2007. Pilota dei team Kawasaki e Honda, è passato al British Superbike da qualche anno, dove si è comportato piuttosto bene nelle ultime stagioni.

La Suzuki ovviamente non conferma tali voci, ma la presenza di Brookes a Phillip Island appare certa. Il pilota conosce molto bene il tracciato e sicuramente rappresenta al momento una valida alternativa a John Hopkins, che la Crescent Suzuki spera di recuperare quanto prima possibile.