Prezzi Benzina Italia: situazione statica

prezzi-benzina-aumento

Quello della benzina è un problema con cui ci confrontiamo quotidianamente ormai da un bel pò di tempo. Gli aumenti hanno praticamente messo in ginocchio tutti i milioni di automobilisti e centauri che utilizzano i propri mezzi per spostarsi da un luogo all’altro. Abbiamo attraversato fasi in cui il picco d’aumento è stato praticamente ingestibile, anche per quei carburanti, come il gasolio, di norma “più economici”.

 

La differenza tra diesel e benzina si è infatti piuttosto rattrappita, portando entrambe le alimentazioni a record storici mai avuti prima.
Oggi però, in questo quadro abbastanza tremendo, possiamo tirare un respiro di sollievo, non ci sono infatti al momento previsioni di aumenti sulle accise, questo anche per far fronte alla grande emergenza terremoto che si sta registrando in Emilia Romagna.

 
Diamo uno sguardo comunque alle quotazioni internazionali di benzina e diesel. In Mediterraneo la verde e’ andata oltre la soglia dei 1.000 $/ton, mentre il gasolio si è fermato sulla soglia dei 950 $/ton. A muoversi al momento c’è solo l’IP, che ha aumentato il prezzo di 0,5 centesimi sulla benzina, tagliandolo però sul diesel.

 
Per quel che riguarda i prezzi le medie nazionali sono a 1,839 euro/litro per la benzina, 1,734 per il diesel e 0,841 per il gpl. I picchi massimi invece sono in calo:  1,907 euro/litro per la verde, 1,769 per il gasolio e 0,874 per il gpl.
A livello di Paese invece il prezzo medio della benzina sul servito si sposta dall’1,821 euro/litro di Esso all’1,839 di Tamoil; per il diesel si va dall’1,725 euro/litro di Eni all’1,734 di Shell; Gpl passa da  0,810 euro/litro di Eni e 0,841 di Tamoil.

 
Insomma, per qualche tempo, forse, si può stare tranquilli, per quanto anche questi prezzi sembrano ancora particolarmente ritoccati verso l’alto.