MotoGP: quale futuro per Ducati dopo la cessione ai tedeschi?



E’ stata una delle prime domande che i tifosi della rossa si sono posti dopo aver appreso la notizia della cessione del marchio Ducati ai tedeschi del Gruppo Audi. La Volkswagen, proprietaria del Gruppo Audi, ha sborsato ben 860 milioni di euro per acquisire la scuderia italiana. Già in passato l’Audi aveva tentato l’assalto ad una scuderia motociclistica, senza successo.

Oggi è ufficiale il passaggio della rossa di Borgo Panigale alla azienda tedesca. Ma quali saranno gli investimenti di Audi nel reparto corse Ducati? La rossa quest’anno ha di nuovo immense difficoltà in pista. E’ stato evidente nella prima gara di Losail e molto probabilmente sarà evidente anche in quel di Jerez de la Frontera.

Inutile dire che dopo una spesa del genere e dopo aver risanato i debiti pari a 200 milioni di euro, i tedeschi dovranno metter mano ancora al portafogli. La Ducati GP 12 appare troppo debole per poter competere con marchi affidabili come Yamaha e Honda. Si dovrà probabilmente ripartire da zero, ancora una volta.

Gli ingegneri tedeschi potrebbero affiancare quelli italiani per dare vita ad una nuova moto, la GP 13, che il prossimo anno dovrebbe offrire la potenza e l’irruenza italiana mista alla affidabilità ed alla sicurezza tedesca. Un sogno? No, visto che ora il Gruppo Audi potrà decidere il da farsi come meglio riterrà opportuno.

Il 2012 non sarà quindi l’anno di rinascita della Ducati, ma a tutti i tifosi della rossa ricordiamo che al momento i nuovi investitori non hanno ancora chiara la situazione del reparto corse, ma siamo certi che Volkswagen si impegnerà a diventare numero 1 anche in quel settore, ben presto.