MotoGP, mercato piloti 2013: i possibili nuovi scenari



Arrivati al giro di boa di questo MotoGP 2012, è già tempo di concentrarsi su quelli che potrebbero essere i cambiamenti nel prossimo motomondiale.
Nel mercato piloti sono già state avviate le prime trattative per la nuova stagione del MotoGP.  Ad attirare più attenzione (mediatica e non) è certamente la scelta che farà Valentino Rossi a fine stagione: il motociclista di casa Ducati, si sa, è ancora alla ricerca del feeling con la sua Desmosedici e sono non poche le voci che girano sul suo conto.
Nonostante i problemi avuti in questo MotoGP, l’addio di Rossi alla casa di Borgo Panigale non è scontata. Infatti sembra che la Ducati abbia un piano per far ritornare il motociclista competitivo e che tale piano riguardi alcune modifiche da apportare al motore. Al di la di quel che si dice, sembra comunque impossibile un passaggio del “Dottore” alla Honda, mentre ieri  Lorenzo s’è detto entusiasta di un possibile arrivo di Valentino in Yamaha. Chissà che non si prepari il grande ritorno.
Chi invece ha un futuro già scritto è Dani Pedrosa, che ha firmato un contratto di rinnovo di 2 anni con il team Honda Repsol (si suppone l’affare sia andato in porto con un ingaggio di 4+4 milioni di euro). Accanto a Pedrosa l’anno prossimo ci sarà l’esordiente Marc Marquez, che subentra al dimissionario Casey Stoner e che, si suppone, avrà un ingaggio simile al connazionale spagnolo.
Anche Lorenzo ha rinnovato con il team Yamaha (2 anni e circa 8 mln a stagione), mentre sulla seconda moto potrebbe sedersi l’anno prossimo Dovizioso, accostato nei giorni scorsi alla Honda, ma possibile erede di un deludente Ben Spies.
In dubbio invece il futuro di Nicky Hayden, che potrebbe lasciare la Ducati. A confermare quest’ipotesi la trattativa ben avviata con Cal Crutchlow, pronto a trasferirsi presso il team italiano al posto del pilota americano.