MotoGP, Laguna Seca 2012: numeri, curiosità e presentazione gara

1stoner_pedrosa_assen_53

Siamo arrivati al decimo appuntamento di questo motoGP 2012: infatti questo caldo week-end di fine luglio vedrà sfrecciare i piloti sull’importantissimo tracciato americano di Laguna Seca,  circuito affascinante e che regala sempre particolari emozioni. Sappiamo che la pista “Mazda Raceway” di Laguna Seca ospita le gare del motoGP solo dal 2005. Prima vi correvano solo i campioni automobilistici mentre le altre categorie di motori non possono correre su questo tracciato in quanto alcune normative dello stato californiano vietano ai motori due tempi di correre all’interno dello stato stesso.

Fondato nel 1955, la pista di Laguna Seca è stata modificata ed allungata nel 1988 proprio per poter disputare le gare del MotoGP. Successivamente furono apportate anche altre modifiche e al giorno d’oggi il tracciato misura 3610 metri e comprende 11 curve ed un rettilineo di appena 453 metri. Nonostante queste caratteristiche tecniche, sulla pista di Laguna Seca i piloti possono arrivare a toccare addirittura i 270 km/h.

Per quanto concerne i numeri e l’albo d’oro su questa pista, i piloti che hanno trovato maggiore gloria nelle precedenti edizioni del MotoGP sono Casey Stoner e Nicky Hayden, con due vittorie a testa. Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Valentino Rossi invece  a Laguna Seca contano una vittoria a testa. Tra i team partecipanti, quello Honda è quello che ha vinto più volte (quattro vittorie), seguito da Yamaha (due vittorie). Solo una vittoria invece per il team Ducati.

Passando al Gran Premio americano 2012, il pilota da battere sarà ovviamente Jorge Lorenzo, in stato di grazia, primo in classifica mondiale e quindi naturale favorito. Oltretutto, dovesse vincere, lo spagnolo di Yamaha avrebbe anche i numeri dalla sua parte: infatti chi ha vinto a Laguna Seca negli ultimi sei anni poi s’è sempre portato a casa anche il titolo mondiale (tranne nel 2009). Subito dopo Lorenzo i favoriti sono Pedrosa e Stoner, staccati di 19 e 37 lunghezze. Diverso il discorso per Valentino Rossi, ancora alla ricerca del feeling perfetto con la sua Ducati ma comunque speranzoso in quanto a Laguna Seca proverà un nuovo motore. Noi italiani però dobbiamo sperare anche in Andrea Dovizioso, che vuol convincere Yamaha a farlo correre su una moto ufficiale e che dunque si batterà col coltello tra i denti. Vedremo tra poco più di 48 ore chi la spunterà.