MotoGP Indianapolis 2011 Ducati Team: parlano i piloti





Dopo la deludente prestazione del Ducati Team a Indianapolis i piloti e il team hanno ritenuto doveroso fornire agli appassionati e ai tifosi le motivazioni dell’insuccesso che ha visto Valentino Rossi, protagonista di un’uscita nel corso delle qualifiche partire molto dietro nello schieramento, a rimontare per poi doversi arrendere, provvisoriamente, a problemi al cambio che l’hanno precipitato in fondo alla classifica seguita comunque da una rimonta che non l’ha portato oltre il decimo posto sul traguardo.

Dice Valentino: “In questo fine settimana sono successe tante cose che hanno reso la gara particolarmente difficile” ricordando poi la caduta in qualifica e i problemi al cambio in gara. “La moto è rimasta sei o sette volte in folle, e per questo motivo ho fatto due ‘dritti’ perdendo tempo. Mi sono ritrovato ultimo ma ho deciso di fare il possibile per prendere almeno qualche punto”. Valentino ha parlato delle modifiche fatte nel warm up e delle difficoltà all’anteriore in gara concludendo: “È stata dura ma siamo comunque arrivati alla fine con qualche punto. Sappiamo che dobbiamo lavorare molto, in Ducati lo stanno facendo, io e il mio team altrettanto perché dobbiamo cercare di non mollare e di mettere a posto la moto al meglio in attesa di novità tecniche”.
Anche Nicky Hayden è partito bene e inizialmente a fatto ben sperare rimanendo nel gruppo dei primi quattro. Ma si è dovuto arrendere alle scarse performance della gomma anteriore ed ha terminato solo in quattordicesima posizione. “È stata una giornata davvero molto difficile. Pensavamo che l’anteriore morbida potesse essere una buona opzione per la gara ma purtroppo lo è stata solo per sette, otto giri” ha detto Hayden ricordando i primi giri ed ha concluso “La moto era veloce in rettilineo e il nuovo cambio mi permetteva di uscire bene dalle curve. Comunque, è la nostra prima gara con la nuova moto e probabilmente dobbiamo capire meglio cosa serve per metterla a punto. Mi spiace per tutti i nostri tifosi in America e per tutti i ducatisti, ci riproveremo la prossima gara”.