MotoGP, il team Squadra Corse Sic58 nel Motomondiale dal 2016 in nome del Sic

Marco_SuperSic_Simoncelli_03

Il MotoGP potrebbe presto vedere l’ingresso in scena di una nuova scuderia: sto parlando del team Squadra Corse Sic58, guidato da Paolo Simoncelli, papà dell’indimenticabile Sic. Si tratta, ovviamente, di una notizia da un lato toccante e dall’altro simbolica, a testimonianza di come Marco Simoncelli e la MotoGP non si divideranno mai. A dare la notizia è stato proprio papà Paolo Simoncelli, che non ha nascosto la sua volontà di portare il team nel Motomondiale del 2016.

Prima di capire i progetti futuri del team Squadra Corse Sic58, vale la pena ricordare come sia nata questa nuova scuderia. L’idea è stata proprio di Paolo Simoncelli, che a gennaio scorso ha costituito il team, facendolo partecipare al Campionato Italiano PreGP 2013, competizione aperta ai giovani piloti dai 13 ai 16 anni. La prima avventura nel mondo delle due ruote s’è corsa con due Honda RS125GP ed in pista sono scese due piccole promesse del motociclismo che verrà: Mattia Casadei di Rimini e Kevin Sabatucci di Ascoli (entrambi tredicenni). Entrambi hanno ottenuto un ottimo piazzamento in questa prima esperienza agonistica: 2° posto per Kevin e 5° per Mattia.

A quasi un anno di distanza dalla presentazione del team Squadra Corse Sic58, Paolo Simoncelli ha rilasciato un intervista ad “Eurosport”, in cui ha confidato i suoi progetti futuri, sia nel breve che nel lungo periodo. La voglia è certamente quella di far espandere e crescere la neonata squadra, che proprio con il numero 58 ricorderà sempre Marco Simoncelli. Il primo passo in questo senso sarà la partecipazione del team al prossimo CIV 2014, anche se il grande sogno resta quello di entrare nel Motomondiale quanto prima.

Paolo Simoncelli ha così commentato al riguardo :“Il prossimo anno il nostro impegno raddoppierà: schiereremo sicuramente Casadei nel campionato italiano Moto3 e due piloti nel campionato italiano PreGp (Sabatucci ed Arbolino). A lungo periodo l’obiettivo è l’approdo nel motomondiale. Non sarà facile da perseguire però è una cosa che voglio fortemente: perché il nome di Marco, il Sic58 deve tornare ad avere una ribalta mondiale. Quella è la dimensione degna e giusta e farò di tutto perché tutto ciò si realizzi”.

Insomma, idee chiare per il prossimo triennio, oltre che tanta voglia di fare. I piccoli Casadei e Sabatucci ricordano tanto Marco Simoncelli, sia come talento che come approccio alle due ruote, pieno di entusiasmo ed amore verso questo sport. Se Paolo Simoncelli riuscirà a fare ciò che tanto bene gli è riuscito con suo figlio, siamo sicuri che il Sic potrà continuare a vivere anche nel Motomondiale, lì dove merita per sempre di restare.

 

Marco_SuperSic_Simoncelli_03