MotoGP 2013: probabili modifiche al calendario e novità di mercato



Neanche il tempo di terminare la stagione 2012 che si lavora già sull’organizzazione del MotoGP 2013. Negli ultimi giorni è rimbalzata la voce di probabili modifiche che si apporteranno nella nuova stagione. E le novità riguarderanno il calendario: infatti la prossima stagione del MotoGP potrebbe iniziare con quattro gran premi da disputarsi fuori dall’Europa. Quindi, dopo la rituale gara d’apertura in Qatar, i motociclisti potrebbero sfrecciare sui circuiti di Texas, India ed Argentina, per poi approdare solo alla fine in Europa, sul circuito di Jerez.

La notizia sarebbe stata confermata da Carmelo Ezpeleta, il quale ha rilasciato un’intervista al giornale britannico MCN spiegando come si sia resa necessaria una rivoluzione di questo tipo a causa della necessità di ridurre ( e non di poco) i costi di viaggio dei vari team impegnati nella competizione. Ovviamente le trattative sono ancora da perfezionare, ma sembra quasi certa anche un’altra novità: nel 2013 gli USA non avranno 3 gare. Forse toccherà la stessa sorte anche ai Gran Premi spagnoli, che attualmente prevedono quattro gare ma che dal 2013 potrebbero diminuire. Comunque sono in fase di definizione anche queste trattative.

Capitolo mercato: fonti molto vicine alla casa di Borgo Panigale affermano che la Ducati, senza aspettare notizie da Rossi, avrebbe contattato Cal Crutchlow per un’ offerta biennale.

Direttamente correlata a questa la notizia di un riavvicinamento, nell’ultimo GP, tra Valentino e la Yamaha. Si attendono sviluppi, mentre è ormai certo il rinnovo di Lorenzo con la scuderia della Casa dei tre Diapason (biennale per il 2013 e 2014). Dunque svanito il suo passaggio alla Honda. Ancora incerto invece il futuro di Dovizioso: si parla di Ducati, Suzuki o BMW. Infine Pedrosa dovrebbe restare alla Honda, affiancato da Marc Marquez. Il tempo comunque chiarirà ogni dubbio.