MotoGP 2013, GP Brno: il team austriaco Remus Racing all’esordio in MotoGP

remus-racing-martin-bauer-2-620x350

Il GP di Brno, in programma il prossimo 25 agosto 2013, vedrà l’esordio nella classe MotoGP di una scuderia austriaca, la prima a “lanciarsi” nel Campionato Mondiale della classe regina: si tratta del team Remus Racing, alla prima esperienza tra le moto “che contano”. In sella alla CRT del team Remus Racing ci andrà un veterano viennese delle due ruote, ossia Martin Bauer, noto per i suoi trascorsi nel campionato nazionale tedesco IDM.

Bauer, assieme ai tecnici del team austriaco, ha già partecipato a dei test privati di MotoGP, esattamente a quelli che si sono tenuti proprio a Brno la settimana scorsa. E di sicuro il pilota austriaco s’è trovato subito a dover fare sul serio, dal momento che ai test in Repubblica Ceca hanno partecipato anche Valentino Rossi e Jorge Lorenzo (team Yamaha Factory Racing). Il team Remus Racing è gestito da S&B Motorsport, mentre la moto che guiderà Martin Bauer sarà una CRT con motore BMW e telaio Suter. Il test di Brno è stato molto utile agli austriaci sia per provare la nuova moto che per prendere confidenza con la pista. Inoltre i tecnici hanno provato anche una nuova frizione, che dovrebbe consentire a Bauer di partire meglio.

A parlare della nuova esperienza in MotoGP è stato proprio Bauer, che certo è apparso ottimista e soddisfatto da quanto visto a Brno :” Avremmo potuto fare molto meglio, ma siamo sicuri di poter far bene in MotoGP. Ritrovarsi a soli tre secondi da Rossi nel test non è stato affatto male. Bisogna considerare che il circuito di Brno è quasi due volte più lungo di una pista come il Sachsenring: tre secondi non è molto per una distanza così lunga. Naturalmente mi sono messo più volte in scia a Rossi e Lorenzo, guardando le linee che facevano e dove erano più veloci. E’ stato interessante vedere che neanche loro fanno particolari magie: in ingresso o in percorrenza della curva, non c’era molto tra di noi, anche se poi c’era un mondo di differenza accelerando ‘in uscita’. Le moto hanno una grande trazione e non si alzano, anche con una tale potere. Non si vede niente che vibra o si scompone. Il grip meccanico che ottengono con la messa a punto del telaio è qualcosa di pazzesco.” Insomma, Bauer non è certo uscito spaventato dalla pista del circuito ceco, che tra poco più di due settimane vedrà il suo esordio in un Gran Premio del MotoGP. Noi non possiamo che augurare buona fortuna al team Remus Racing, chissà che il suo ingresso non infiammi ancora di più questo MotoGP 2013!

 

remus-racing-martin-bauer-2-620x350