MotoGP 2011: Stoner spiega i motivi del passaggio dalla Ducati alla Honda





A qualche mese dal suo incredibile passaggio alla Honda, Casey Stoner ha rilasciato una bella intervista dove spiega i motivi che lo hanno portato ad abbandonare la Ducati in favore della nipponica Honda.

Sicuramente un cambiamento che ha portato bene a Stoner e che indubbiamente ha scombussolato i nuovi piani Ducati, soprattutto in virtù del fatto che l’arrivo in rosso del pluricampione Valentino Rossi non è stato rosa e fiori, tutt’altro.

I motivi tuttavia come spiega Casey sono stati prettamente legati al comportamento della Ducati sulla questione Lorenzo. Nel 2009 la Ducati offrì allo spagnolo una cifra molto più alta di quella per cui Stoner era vincolato da contratto. Tale atteggiamento non è andato giù al pilota australiano che ha quindi deciso di cambiare aria appena possibile.

Non dunque la possibile rivalità con Rossi, che a detta di Stoner è arrivato proprio per sostituirlo e non per correrci in squadra. I capi della Ducati sono presi di mira dallo sfogo dell’australiano, che non mira a Preziosi e agli uomini che compongono la squadra nei box.

Uno sfogo quindi che ha trovato sostegno nella proposta che la Honda ha presentato al campione del mondo 2007, con la successiva decisione di quest’ultimo di fare il salto dall’Italia al Giappone, sportivamente parlando, che lo ha riportato ai livelli che gli competono.

D’altronde quando la passione e la voglia per ciò che fai viene meno e ti mancano gli stimoli per migliorarti costantemente giorno dopo giorno, non c’è altro da fare che virare rotta e trovare nuovi stimoli in altre terre, in altre avventure.