MotoGP 2011, GP Barcellona: Bautista in vista della gara



Quando si corre un GP in casa davanti al proprio pubblico e ai propri tifosi, non importa se il tuo nome sia Lorenzo, Pedrosa o Bautista, poichè l’entusiasmo e la voglia che ti spingono a dare il massimo sono le stesse identiche.

Anche Alvaro Bautista correrà il prossimo weekend il suo personalissimo GP di Barcellona, così come sarà per Lorenzo, mentre per Pedrosa le speranze sono minime.

Lo spagnolo è l’unica guida attualmente del team Suzuki, sul quale la scuderia nipponica ha puntato quest’anno e sul quale è stato investito l’intero potenziale messo a disposizione dalla casa giapponese.

Una scelta determinata forse dalla crisi, quella di affidarsi ad un solo pilota, ma anche sicuramente una scelta motivata dal talento di Bautista quella che ha convinto la Suzuki ad affidarsi a lui.

Il pilota non aveva iniziato bene la stagione, fratturandosi il femore nella gara inaugurale del Qatar e subendo un’operazione che lo ha tenuto distante dalla pista per una gara, con Hopkins che sostituì lo spagnolo a Jerez de la Frontera.

Dopo aver saltato quindi il primo GP di casa, Bautista arriva a Barcellona pienamente recuperato e in uno stato di forma ottimale, come lo stesso pilota afferma.

Alvaro non vuol sentire parlare dei problemi che lo hanno visto coinvolto fisicamente ad inizio stagione o peggio ancora dei progetti futuri della Suzuki di ripristinare la seconda moto. Lui vuole solo fare bene in gara il prossimo weekend e per questo si sta allenando ogni giorno.

Il pilota spera di poter fare una bella figura davanti ai propri tifosi e di affrontare al meglio una gara che riserva sempre sorprese, cosa che Bautista si augura, non accada a lui.