Moto 1 2012, Ducati testa la GP12 con un nuovo telaio

rossi-in-sella-ad-una-ducati

Nel corso del primo giorno di test sul tracciato di Valencia, Valentino Rossi ha provato la nuova Ducati Desmosedici GP12 che il pilota italiano guiderà nel corso della prossima stagione. La moto è ancora un progetto sperimentale e i cambiamenti sono continui cosi come i tentativi e le sperimentazioni. Si cerca di trovare la strada giusta per poter farsi trovare pronti con una moto competitiva già dall’inizio della prossima stagione.

Il 2012 per Ducati e Rossi dovrà infatti essere un anno del riscatto dopo la stagione in chiaro scuro disputata quest’anno. Bisognerà per forza ritrovare una competitività perduta nel 2011 tra tentativi di sviluppo andati male ed episodi sfortunati. La nuova Ducati potrà contare su un telaio perimetrale in alluminio, un cambio netto di strategia da parte del team di sviluppo che mostra ancora una volta l’intenzione della casa italiana di seguire tutte le strade necessarie per riportare in alto la propria moto

In un’intervista rilasciata a Motogp.com, sito ufficiale del motomondiale, Filippo Preziosi, direttore tecnico di Ducati spiega le motivazioni delle scelte compiute in sede di progettazione. Eccone un estratto “Abbiamo progettato una moto dotata di una differente tecnologia per quel che riguarda il telaio, con l’obiettivo di distribuire meglio i carichi e tutto il resto, per poi confrontare il tutto con il prototipo standard. Dopodiché, basandoci sulle opinioni dei nostri piloti e sui dati raccolti, definiremo gli obiettivi finali per il design definitivo della prossima moto. Questo telaio ci consente sia di mettere il motore in una posizione diversa che di cambiare il perno del forcellone senza il bisogno di produrre altri motori, dato che rivestirebbe un problema con il regolamento attuale che stabilisce un numero massimo di 6 motori”