La Vezzali su Valentino Rossi a proposito delle elezioni politiche 2013

Cattura2

Lei è Valentina Vezzali, schermidrice italiana tra le più apprezzate e pluricampionessa che oggi si affaccia per la prima volta, sulla “pedana” della politica. Candidata nella lista Monti, Valentina Vezzali sta cercando di dare il cosidetto “buon esempio” (poco importa se si candida oggi con Mario Monti, e si dice ieri pro-Berlusconi) e in un tale contesto ha pensato bene di tirare una bella stoccata all’altro Valentino, quello delle moto, Valentino Rossi.

 
Il ragazzo infatti ha già detto di non votare il prossimo febbraio, dichiarando dunque senza problemi l’astensionismo che è eppure un diritto di tutti. La Vezzali non ci ha pensato su due volte e ha “bacchettato” il giovane motociclista, parlando di  “bandiera bianca alzata prima ancora del via”.
Le parole di Valentino Rossi, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, sono state queste:
“Vedo un panorama negativo, forse non voterò nemmeno, nessuno mi dà fiducia. Non siamo messi bene: inutile votare uno o l’altro, dovrebbe cambiare il sistema”. A ben vedere, questa posizione di incertezza e conseguente astensionismo è in fondo molto gettonata tra le persone, note o meno che esse siano. Segno comunque che il problema non è tanto il votare qualcuno, quanto il sistema che va cambiato alla radice.
A Valentina Vezzali comunque non sono piaciute queste parole, proprio perchè da uno sportivo cosi in vista ci si aspetterebbe “il buon esempio”, la donna ha infatti dichiarato:

 
“Per uno sportivo, che è anche simbolo per i giovani, non votare significa alzare bandiera bianca in anticipo, ritirarsi da una gara senza aver avuto la possibilità di giocarsela. Mi dispiace che Valentino Rossi abbia detto che non intende andare a votare: è un pensiero molto comune nei giovani. Ritengo che l’antipolitica non sia lo strumento per dare fiducia al Paese. Valentino voti la persona che meglio rappresenta le sue idee e i suoi valori, ma voti”
Voi con chi siete d’accordo?

 

Cattura2