Kawasaki moto 2011: nuove KLX 125 e D-Tracker 125



I due modelli 125 di Kawasaki, pensati per il mercato dei giovanissimi, si rifanno il look in ottica 2011.

nulla sembra cambiare invece, per imodelli a 4 tempi; Enduro e Motard, presentati al Salone di Milano. Cambiano nel look, ma non nelle caratteristiche tecniche, restando su dimensioni compatte e facili da maneggiare.la KLX segna sulla bilancia 113 kg, uno in meno della D-Tracker. Le selle sono a 830 e 803 mm, come nelle moto di maggiori cilindrate e che permettono di poggiare comodamente i piedi in terra, grazie ad un punto vita molto stretto.

Il serbatoio ha capienza di 7 litri, mentre il motore monocilindrico a 4 tempi da 10 CV a 8.000 giri e 10 Nm a 6.400 giri, raffreddato ad aria, con testata monoalbero a 2 valvole: 27,5 mm quella di aspirazione e 24 mm quella di scarico. Dotata di un catalizzatore con sonda lambda rispetta l’ambiente al meglio. Il cambio ha 5 marce così come 5 sono i dischi della frizione.

È la prima vota che una Kawasaki monta un sistema di iniezione con IDC (Idle Speed Control) per il controllo automatico di regime di minimo, in modo da no necessitare di regolazioni a freddo, a caldo o ad elevate altidutini. Per controllare sia la pompa benzina, sia la bobina e l’ISC, la centralina sfrutta a pieno regime tutti i sensori dell’aria di aspirazione, di posizione dell’albero motore, di ossigeno, di posizione valvola a farfalla, temperatura motore e temperatura dell’aria.

C’è poi un interruttore di sicurezza per interrompere l’alimentazione in casi di emergnza.

Sia la D-Tracker 125 che la KLX 125 si avviano elettricamente.

La parte ciclistica ha un telaio perimetrale in acciaio, leggero ma allo stesso tempo molto solido.

Sulla enduro la forcella è telescopica con steli da 33 mm e corsa di 175 mm, mentre la D-Tracker prevede una forcella rovesciata con steli 35 mm ed escursione di 150 mm. La parte elestica è sullo stelo sinistro, mentre quella idraulica è su quello destro.

Entrambi i modelli prevedono un monoammoertizzatore e un forcellone in acciaio.

Per facilitare la guida a coloro sotto i 18 anni, le ruote sono ridotte con cerchi da 19 pollici anteriori e da 16 sul posteriore con pneumatici 70/100-19″ e 90/100-16″.

La D-Tracker monta ruote da 14 pollici avanti e indietro, con pneumatici 100/80-14” per l’anteriore e 120/80-14” per il posteriore.

La frenata è affidata a dischi con profilo a margherita; il disco anteriore è da 240 mm mentre il posteriore misura 190 mm. La pinza anteriore è a 2 pistoncini, 1 per quella posteriore.

Per il design da evidenziare gli specchi retrovisori tondi per la KXL 125 e un look molto ricercato per la D-Tracker 125 con strumentazione digitale per entrambe.