I malumori di casa Red Bull

red-bull-expensive

Sono lontani i tempi in cui Sebastian Vettel e la sua Red Bull dominavano in lungo e largo per i circuiti del mondiale di F1. Ora che anche le migliori quote scommesse sportive betfair sulla Formula 1 non danno più il talento tedesco come favorito alla vittoria del titolo, iniziano a venire al pettine i problemi di costruzione della monoposto. Lo sviluppo infatti si è rivelato una sorta di flop, come ha ammesso lo stesso Adrian Newey. Il genio della progettazione non si è nascosto a inizio stagione dichiarando pubblicamente alla rivista che “la Red Bull RB10 non è nata sotto una buona stella anche a causa di un suo approccio troppo ‘aggressivo’ nell’assemblaggio di alcune componenti”. L’inizio del mondiale ha dato ragione al direttore tecnico di Milton Keynes, in quanto sia l’aerodinamica della monoposto (nettamente meno idonea rispetto alle performance offerte da Mercedes e Williams), sia i motori prodotti dalla casa transalpina hanno mostrato un’involuzione rispetto al passato in cui la Red Bull era la monoposto da imitare. Dopo il deludente GP d’Austria anche il team principal ha polemizzato scagliandosi contro il motorista francese: “Affidabilità e prestazioni non vanno, bisogna cambiare. Vogliamo lavorare insieme come partner, non ci sarà un altro motorista l’anno prossimo, ma vogliamo essere competitivi e quanto fatto finora non è bastato“.   Horner ha anche chiarito che la Red Bull – nonostante le voci che la vogliono intenzionata a costruirsi in casa un motore – vuole restare legata alla Renault. “Dobbiamo lavorare insieme come partner, non ci sarà un altro motore l’anno prossimo, ma vogliamo essere competitivi e stare lì davanti – ha detto il team principal -. Qualcosa deve accadere perché tutto quanto è stato fatto al momento non funziona. Non è affare nostro, né nostra responsabilità: siamo l’utente finale ed è frustrante non essere dove dovremmo“.

Il Mondiale di F1 parla sempre tedesco e il dominio è passato saldamente nelle mani della Mercedes (altra doppietta e mondiale costruttori blindato nel Gp d’Austria), ma gli esperti di scommesse sulla formula 1 non nascondono che il primo attore potrebbe essere a sorpresa un altro rispetto a quello pianificato ad inizio stagione. La conferma infatti viene direttamente dalle lavagne dei bookmaker internazionali dopo l’ennesimo trionfo di Nico Rosberg in questa appassionante edizione del Mondiale. Nell’ottava prova stagionale all’arrivo sotto la bandiera a scacchi Rosberg è passato ancora una volta prima del compagno di squadra Lewis Hamilton, allungando il vantaggio nella classifica piloti.

Intanto in casa Ferrari si prepara la messa a punto per il prossimo Gran Premio di Gran Bretagna. Ed è notizia dell’ultim’ora che Alonso non parteciperà ai test di Silverstone in programma proprio dopo la competizione del prossimo fine settimana. Secondo Autosprint, infatti, saranno Kimi Raikkonen e il collaudatore Pedro De la Rosa a scendere in pista. Secondo il calendario di prove, nel primo giorno la Ferrari cercherà di migliorare la corrispondenza dei dati tra il simulatore e la vettura, mentre Raikkonen svolgerà un programma di sviluppo sugli pneumatici Pirelli. Il ferrarista cercherà anche di migliorare il feeling con la vettura, viste le deludenti prestazioni che il pilota finlandese ha raccolto fin’ora.

red-bull-expensive