Formula Uno: dal 2014 ci saranno le auto elettriche della “Formula E”

800px-Logo_F1

Il 2014 sarà un anno molto importante per la Formula Uno: infatti comincerà il nuovo calendario di Gran Premi della “Formula E” . Finora di certo si sa che i GP dal 2014 saranno dieci, così come saranno dieci i team ( e venti i piloti) nella prima stagione ad equipaggiarsi di motori alimentati da batterie a ioni litio. Che vantaggi nella Formula E? innanzitutto meno rumore e addio ai rombi assordanti lungo la pista: le auto scivoleranno via su ali elettriche ed in maniera del tutto silenziosa. Oltretutto non si vedranno neanche più i piloti sfrecciare a velocità folli: infatti le auto elettriche della futura “Formula E” non potranno superare i 220 km/h (arrivando ai 100 km/h in tre secondi).

Tuttavia le gare resteranno comunque coinvolgenti e in più ci sarà anche una novità durante i pit stop: infatti non saranno più cambiati gli pneumatici, ne rabboccato il serbatoio, ma la vettura sarà cambiata integralmente, pilota compreso. Questo perchè le batterie avranno un’autonomia di soli 25-30 minuti e quindi non sufficienti per durare un’ora intera. Ma di questo non ci sorprendiamo dato che la durata della batteria è il nodo principale della questione auto elettrica.

Per i GP della  nuova Formula E vi sono una decina di città candidate, tra cui Honk Kong. Mumbay, Sidney, Shangai, Rio De Janeiro e Mosca. La scelta non è casuale in quanto tutte queste location presentano un circuito urbano e sono tutte adatte ad accogliere i motori elettrici dal punto di vista ambientale. Il fine ultimo della nascita della Formula E è proprio la sostenibilità, una maggiore energia pulita e la mobilità. Inoltre si vorrebbe cercare di attirare un pubblico più giovane, una sorta d’investimento per le generazioni future. Solo il tempo chiarirà quanto ciò sia possibile.